Pubblichiamo la lettera al direttore apparsa sul Corriere del 20 luglio 2020